Come costruire un drone

Come costruire un drone

Sei alla ricerca di informazioni su come costruire un drone? Allora prosegui la lettura di questo articolo.

Negli ultimi anni si è diffuso moltissimo l’utilizzo del drone anche per semplice scopo hobbistico, ormai quasi tutti ne possiedono uno o vogliono possederlo. Tra i più appassionati c’è chi si diverte a costruire il proprio drone da se. Il drone fai da te non è insolito e sono sempre di più le persone che scelgono di personalizzare il proprio prodotto realizzando da soli. È possibile infatti farlo andando ad acquistare ogni pezzo di cui abbiamo bisogno. Questo ci garantisce di ottenere un drone unico nel suo genere e che presenta le perfette caratteristiche di cui abbiamo bisogno. Se sei capitato in questo articolo sicuramente è perché anche tu sei alla ricerca di informazioni su come costruire un drone, e allora prosegui la lettura e scopri tutto ciò di cui hai bisogno per realizzarne uno.

Quanti e quali tipi di droni esistono?

Al mondo esistono tantissimi droni differenti, tralasciando quelli militari che sono realizzati unicamente per l’esercito ai comuni mortali restano i droni classici e i droni professionali.  Ne troviamo di diverse dimensioni e di diversa forma ecco perché tutte queste tipologie possiamo raggrupparli in grandi categorie, eccole qui:

  • Tricotteri
  • Esacotteri
  • Quadricotteri
  • Ottocotteri

Quelli che sono usati maggiormente sono i quadricotteri e sono anche quelli che gli appassionati si divertono ad assemblare. Non importa se tu voglia o non realizzare un drone professionale la differenza tra i dispositivi è minima e consiste principalmente nel peso del prodotto e nello scopo. I droni professionali avranno infatti una fotocamera o videocamera da montare. In questo articolo vedremo cosa ci occorre per realizzare un drone classico.

Di quali pezzi abbiamo bisogno per realizzare un drone classico?

Per realizzare un drone classico abbiamo bisogno dei seguenti pezzi per assemblarlo:

  • Telaio per droni: Il telaio è colui che regge le eliche che permettono al drone di muoversi volando nelle direzioni da noi desiderate. Se siamo poco pratici nella realizzazione dei droni è consigliabile acquistarne uno economico. Questo perché è il prodotto che tende maggiormente a danneggiarsi durante eventuali cadute o piccoli incidenti in volo, il consiglio è perciò di acquistarne uno economico, fare pratica e poi eventualmente sostituirlo con uno più resistente. Le misure delle eliche devono oscillare tra gli 8 e i 12 pollici per questi modelli.
  • Motore del drone in questo caso la potenza indicata è tra i 900 e i 1000 watt da superare solamente nel caso che per esigenze tecniche e di utilizzo abbiamo bisogno di un drone molto più potente.
  • Mai sentito parlare di ESC? Sono dei circuiti elettronici che permettono e garantiscono il perfetto funzionamento del motore del drone. In questo caso abbiamo bisogno di 4 ESC che devono presentare un amperaggio superiore al consumo del motore.
  • Stiamo parlando di costruire un drone quindi non può e non deve assolutamente mancare un ricevitore con radiocomando combinato. Senza di questi componenti come potremmo guidarlo? Assicuratevi di sceglierne uno con più canali.
  • La scheda arduino. Questa particolare scheda serve a poter realizzare e programmare progetti elettronici quindi in questo caso andremo a creare il cervello del nostro drone. Questa scheda è stata realizzata per renderla intuitiva anche per chi non è un programmatore. In poche parole una scheda arduino è una scheda di controllo.
  • L’IMU nei droni rappresenta una parte della centralina che ci permette di tenere sotto controllo alcuni importanti parametri come termometro, giroscopio, accelerometro, barometro fondamentali per permettere al drone di muoversi perfettamente e seguire i nostri comandi.
  • La batteria in genere per questi modelli vengono utilizzate batterie da 4000 o 5000 mAh attenzione però al peso che incide molto sul peso del dispositivo. Vi ricordiamo che i droni che presentano un peso superiore a 300g sono considerati professionali e per loro c’è uno specifico iter burocratico da seguire. Non basta essere appassionati, nel caso di droni professionali bisogna essere dei piloti professionisti.
  • Un caricabatterie per Lipo, unico tipo di caricabatterie compatibile con la batteria del drone.
  • Scheda di distribuzione dell’alimentazione. Questa particolare scheda ci permette di collegare gli ESC soltanto a due poli mantenendo invariata la loro funzionalità. In questo modo ci evitiamo un eccessivo cumolo di cavi che ci infastidirebbero.

Una volta preso tutti i prezzi siamo pronti per eseguirne il montaggio. Nel caso in cui vogliate eseguire delle riprese video allora avrete anche bisogno di altri elementi, in particolare:

  • Lo stabilizzatore ottico
  • La fotocamera per droni.

Preparati a divertirti costruendo il tuo primo drone!